Corigliano, vittoria col brivido sotto la neva a San Giovanni in Fiore

Corigliano, vittoria col brivido sotto la neva a San Giovanni in Fiore

SILANA-CORIGLIANO 1-2

SILANA: Pettinato 7.5, Rosito 6 (9’ st Iaquinta 6), D’Amore 6 (13’ st Ferrarelli 6.5), Kader 6 (41’ st Mirandi SV), Basile 7, Mancina 6.5, Sirianni 6, Fabiano 7, Fabbricatore 7, Curia 6.5 (38’ st Iuliano), Azzinnaro 6.5 (33’ st Mosca SV). In panchina: Piccolo, Scigliano. All. Cimicata.

CORIGLIANO: Caruso 6.5, Viteritti 6.5, Martinez 6, Tricarico 7, Itri 7, Rinaldi 7, Foderaro 5, Leta 6.5, Piemontese 7, Concialdi 6.5 (32’ st Covelli 6.5), De Marco 6.5. In panchina: Marino, Cimino, Accardo, Catalano, Tempesta, Possidente. All. Andreoli.

ARBITRO: Alessandro Bottura di Crotone (Fiorentino di Soverato; Guerriero di Catanzaro).

MARCATORI: 11’ pt Rinaldi (C), 29’ st Fabbricatore (S), 35’ st Piemontese (C).

NOTE: Spettatori 400 circa. Ammoniti: Leta (C).

 

SAN GIOVANNI IN FIORE. Vince sotto la neve di San Giovanni in Fiore il Corigliano e mette una seria ipoteca sul campionato portandosi, anche se momentaneamente, a più sei in classifica sulla Rossanese fermata dal maltempo. Era fondamentale vincere, a prescindere dalla prestazione, per la squadra di mister Andreoli e cosi è stato contro una coriacea, e giovane, Silana che si è arresa soltanto nel finale: a decidere è stato un guizzo di bomber Francesco Piemontese che da rapinatore d’area qual è ha trovato il tocco decisivo in un’azione convulsa nell’area avversaria. Giornata no, invece, per Marco Foderaro che ha fallito due calci di rigore rischiando di compromettere la vittoria finale, dall’altra parte prova positiva quasi per tutti gli uomini messi in campo da Cimicata che sono riusciti a tenere testa ad un avversario nettamente più forte, almeno sulla carta.

La partita inizia con una leggera pioggia che non compromette l’avvio del match grazie soprattutto all’ottima tenuta di gioco del “Valentino Mazzola”: inizia meglio il Corigliano che già nei primi minuti preme sull’acceleratore e in un paio di occasioni prova ad impensierire Pettinato che risponde presente. Al 10’ primo calcio di rigore per gli ospiti decretato dal contestatissimo Bottura di Crotone per un fallo di mano di Basile: dal dischetto Marco Foderaro si fa ipnotizzare dall’ex portiere del Crotone che respinge il tiro ma nulla può sul rapido tap in di Rinaldi che è il più lesto di tutto ad arrivare sul pallone. La Silana prova a reagire senza tutta via riuscire mai ad impensierire seriamente il portiere ospite per tutto il primo tempo.

Nella ripresa la partita è più maschia con molto palleggio nella zona centrale del campo e poco gioco offensivo da ambo le parti, il tempo scorre rapido e intanto la neve inizia a scendere con maggiore intensità sul prato verde del comunale di San Giovanni in Fiore. Poco prima della mezz’ora la Silana trova il pareggio grazie ad una bella giocata del neo entrato Ferrarelli che smarca Fabbricatore al centro per il tocco decisivo che vale l’1-1. Passano pochi minuti e nell’area di casa si registra un altro fallo di mano, stavolta è Mancina a toccare e l’arbitro indica nuovamente il dischetto: sul punto di battuto ancora Foderaro che vuol farsi perdonare l’errore del primo tempo ma stavolta fa peggio e calcia alto. Giornata da dimenticare per il centrocampista lametino che difficilmente sbaglia dagli undici metri. Il Corigliano prova il forcing della disperazione, in campo anche Covelli per l’assalto finale ma è Piemontese a trovare in mischia il gol dell’1-2 che vale tre punti e potrebbe essere decisivo per la corsa al titolo.

La formazione di Andreoli non disputa certo la miglior partita della stagione ma con caparbietà riesce a portare a casa una vittoria molto sofferta: la fortuna, come si sol dire, aiuta gli audaci. Per la Silana è l’addio definitivo all’obiettivo play off, anche se già da molto tempo la società sangiovannese ci ha rinuncito iniziando a mandare in campo tanti giovani locali nel tentativo di valorizzarli.

Lascia un commento

Scroll To Top