Coppa Italia Dilettanti, l’Isola gioca meglio ma deve cedere il passo al San Pio X

Coppa Italia Dilettanti, l’Isola gioca meglio ma deve cedere il passo al San Pio X

(nella foto il gol di Alassani)

CATANIA SAN PIO X-ISOLA CAPO RIZZUTO 2-1

CATANIA SAN PIO X: Vitale 7, Montella 7, B. Orlando (95) 5,5, Caruso 6,5, Orefice 7, Scalia 6, Gatto 5,5 (95) (27’ pt Palermo (94) 6), Arena 7, Pasca 6,5 (19’ st Marino 6), Riccobono 5 (9’ st Panatteri 5,5), Ranno 6.  In panchina: Cavone, Cristaldi, Maesano, Raineri. Allenatore: Anastasi 6,5

ISOLA CAPO RIZZUTO: Voce (96) 6,5, E. Mercurio (95) 7,5, Scuteri 7,5, Leone 7 (39’ pt Geraldi 7), Minutolo 7, B. Mercurio 6,5 (94) (19’ st Nicastro (95) 6,5), Venere 6 (28’ pt Filoramo (95) 6,5), Campagna 7, Turano 6,5, Alassani 7,5, Ant. Bruno 6,5. In panchina: And. Bruno, G. Bruno, Grandinetti, Cosentino. Allenatore: Caligiuri 7

ARBITRO: Civico di Vasto (assistenti: Fagnani di Roma 1 e Castaldo di Roma 2)

MARCATORI: 24’ pt Montella (C),  35’ pt Alassani (I), 49’ st Panatteri (C)

NOTE: Spettatori 150 circa (una ventina gli ospiti). Espulso: Caligiuri. Ammoniti: Orefice (C); Alassani, Campagna e Geraldi (I). Angoli 4-4. Recupero 2’ pt; 5’ st.

MASCALUCIA (Ct) – Straordinaria prestazione dell’Isola Capo Rizzuto nella gara di ritorno di Coppa Italia valevole per la fase nazionale. La squadra di Caligiuri arriva in terra sicula costretta a rimontare lo 0-2 subito all’andata in una partita dove la squadra giallorossa non ha offerto il meglio di se. Stavolta in campo un Isola ben diversa, nonostante le assenze di De Luca, Russo e Rocca l’undici ospite riesce a sottomettere l’avversario per dominio territoriale, possesso palla e occasioni pericolose. Sono proprio gli ospiti a partire meglio, ma prima Venere e poi Antonio Bruno non riescono a finalizzare.  Al 19’ Alassani viene fermato davanti al portiere dall’assistente che sventola un fuorigioco apparso dubbio. Nel miglior momento dell’Isola colpisce il San Pio, dagli sviluppi di un angolo la palla finisce sui piedi di Montella che dai 30 metri trova l’eurogol che sembra dover tagliare le gambe all’Isola. Poco dopo un altro episodio che condanna l’Isola, Leone da forfait, problema muscolare e al suo posto entra Geraldi. Alla mezz’ora Campagna impegna Vitale che è attento e manda in angolo, nell’azione successiva Alassani trova il gol del pareggio con una straordinaria azione personale, fa fuori tre avversari e scaraventa in porta un potente destro sulla quale Vitale non può nulla. Lo stesso Alassani al 43’ ci prova su calcio di punizione, Vitale con un grande intervento evita il gol. Nel finale di tempo Campagna e Bruno ci provano da fuori senza fortuna.

Nella ripresa dopo un acuto di Riccobono all’inizio l’Isola torna a macinare gioco, Turano e Campagna arrivano in ritardo su due perfetti lanci in profondità. Al 23’ Arena con un colpo di testa fa venire i brividi all’Isola, palla di poco a lato.  Al 25’ Alassani lanciato a rete e ancora fermato dall’assistente in posizione regolare, sulla stessa azione Caligiuri viene allontanato per proteste.  Il tempo passa l’Isola continua a spingere ma le speranze sono sempre meno, Scuteri calcia male una buona punizione. L’arbitro indica cinque minuti di recupero, l’Isola molla la presa dopo una gara dove si è dato tantissimo, al 49’ Panatteri trova il gol del 2-1 aiutato da una difesa dell’Isola ormai sfinita. Nel finale Filoramo ha l’occasione del pareggio ma non va, finisce 2-1 e si conclude così l’avventura dell’Isola in Coppa Italia, si esce a testa alta e con onore. Peccato aver regalato la gara d’andata.

Lascia un commento

Scroll To Top