Cirò, battuto il Rocca di Neto nella ripresa

Cirò, battuto il Rocca di Neto nella ripresa

(nella foto gli undici titolari del Cirò)

CIRO’-ROCCA DI NETO 2-0

CIRO’: Grillo, Le Rose, A. Pugliese, Farao, Murano, Marincola, Cortese, Agresti, Sprovieri (28′ st Sculco), Affatato (32′ Lettieri), Leto (20′ st Zumpano). In panchina: Lombardo, Iuzzolini, Pirito, Mazzei. Allenatore: M. Pugliese

ROCCA DI NETO: Elia, Segreto, L. Marino, Durante, Amato, De Paola, Apa (24′ st L. Corigliano ’96), Zidani (44′ st Caratozzolo), Trisolino, L. Corigliano, F. Marino (18′ st Fragale). In panchina: L. Caputo. Allenatore: Salvatore Dattolo

ARBITRO: Gianluca Basile di Crotone

MARCATORI: 3′ st Leto (rig.), 8′ st Sprovieri

NOTE: tempo nuvoloso con pioggia, vento moderato da sud, umidità 70% temperatura 14°, terreno in ottime condizioni. Angoli 6-6.

CIRO’ (Kr) – Dopo la vittoria in trasferta ai danni del Pallagorio, il Cirò si riconferma, lasciando trasparire un ottimo periodo di forma, curata nei dettagli durante gli allenamenti svolti in settimana. Tre punti preziosi conquistati con il cuore, una bellissima battaglia quella che si sono dati in campo entrambe le squadre, anche il Rocca di Neto, forte della vittoria in trasferta contro il Cerva, cercava continuità nei risultati, cosa non riuscita ad opera di un Cirò caparbio, ben messo in campo e sempre pronto a non concedere nulla all’avversario. Il 4-3-3, schierato da Pugliese, ha permesso alla squadra, di giocare la partita in modo offensivo, raccogliendo il giusto risultato. Il presidente Sculco, con tutta la dirigenza (Lettieri, Ciccopiedi, Sessa e Bruno), contentissimi degli ultimi risultati, si dichiarano soddisfatti per aver allestito la squadra con calciatori del luogo, e per aver creato l’atmosfera giusta, per dare continuità ed attaccamento ai colori.

Per la cronaca, al 10′ pt Cortese ci prova dalla distanza, Elia intuisce e respinge. Al 14′ pt, Sproviero solo davanti ad Elia, non riesce a concretizzare per la bravura dell’estremo difensore. Al 19′ pt Affatato colpisce di testa e palla che termina alta sopra la traversa. Al 23′ pt ci prova Agresti dalla distanza, ma Elia è sempre attento. Al 40′ pt A. Pugliese, disegna una traiettoria bellissima per la testa di Leto che gira di prima intenzione, ma Elia vola letteralmente sotto l’incrocio dei pali e salva la propria porta. Al 42′ pt Farao batte un calcio d’angolo, palla in area, Murano in rovesciata, manda di poco alto sopra la traversa, scrosciano gli applausi, a conferma che la squadra piace. Gli gli ospiti non ci sono, quasi mai affacciati nell’area del Cirò, infatti Grillo è rimasto a lungo inoperoso. Si va avanti fino al 45′ pt e l’arbitro Basile dice che può bastare, e dopo un minuto di recupero, manda tutti negli spogliatoi a prendere un tè caldo.

Si rientra in campo e le squadre, iniziano subito l’attacco alle rispettive difese, ci prova il Rocca di Neto che al 1′ st, con L. Corigliano che sfiora la rete del vantaggio, palla che finisce di poco alta sopra la traversa. Al 3′ st tocca al Cirò con Affatato che entra in area, supera un avversario, viene atterrato e Basile non ha dubbi, calcio di rigore. Si incarica della battuta Leto che trasforma per il vantaggio del Cirò. All’8′ st arriva il raddoppio con un colpo di testa ad opera di Sprovieri che insacca la rete del 2-0. Gli avversari si organizzano e diventano pericolosi con Trisolino, Corigliano e De Paola, colpiscono anche un palo su calcio piazzato, ad opera del solito Trisolino. Dalle scuderie, arrivano gli ordini per i cambi, per il Cirò fuori Leto, Sprovieri e Affatato, dentro Zumpano, Sculco e Lettieri. Per il Rocca di Neto, fuori F. Marino, Apa e Zidani, dentro Fragale, L. Corigliano ’96 e Caratozzolo. Il Cirò pensa ad amministrare il vantaggio e a portare a casa i tre punti. Si va avanti fino al 44′ st, c’è solo il tempo di vedere una magia di Zumpano che colpisce il palo a portiere battuto, e dopo 4′ di recupero, l’arbitro Basile manda tutti sotto la doccia.

Nota importante che va sicuramente rimarcata è stata l’ottima direzione arbitrale di Gianluca Basile, sempre attento, sempre vicino all’azione di gioco, non ha lasciato nulla al caso. Ed è comunque da una buona direzione arbitrale che nasce lo svolgimento di una gara corretta e improntata verso il rispetto di tutti, un arbitraggio sereno, corretto e all’altezza della situazione.

Il Cirò, scenderà in campo nel 2014, il 5 gennaio alle ore 14.30, che ospiterà il Cerva, nella gara di recupero, non disputatasi il per le avverse condizioni atmosferiche.

Lascia un commento

Scroll To Top