Brizzi-Grano-Marrazzo, un tridente ispirato e il Mesoraca travolge la Real Catanzaro

Brizzi-Grano-Marrazzo, un tridente ispirato e il Mesoraca travolge la Real Catanzaro

(nella foto l’attaccante Danilo Grano, autore di una doppietta)

MESORACA-REAL CATANZARO 7-1

SMESORACA: Fico, Gidari, Criniti, Marino, Stefanizzi, Corasaniti (21′ st Barbera), Marrazzo, Castagnino (19′ st Cognata), Grano, Brizzi, Serravalle (16′ st G. Leto). Allenatore: Varacalli

REAL CATANZARO: Foscolo, Mazzocca, Roberti, De Siena, Pittelli (32′ st Simone), Folino, Talotta, Gentile, Puccio (26′ st Procopio), Silvano, Scalzo (1′ st Leuzzi). Allenatore: Tolomeo

ARBITRO: Celestino di Reggio Calabria

MARCATORI: 15′ pt P. Marrazzo (M), 19′ pt Brizzi (M), 30′ pt Marino (M), 38′ pt Grano (M), 22′ st Grano (M), 23′ st  Brizzi (M), 38′ st Mazzocca (RC), 40′ st P. Marrazzo (M)

MESORACA (Kr) – L’ultima gara del girone d’andata fa registrare a Mesoraca una gara a senso unico e un risultato che si commenta da solo. Non c’è stata partita e i padroni di casa, al di là del valore degli avversari, hanno fatto esplodere tutto il loro potenziale offensivo con il trio Pasqualuzzu-Ciccio-Danilo che regala spettacolo e dispensa concrete speranze per proseguire un campionato che può davvero portare in alto. Soprattutto l’ultimo arrivato, Danilo Grano, ha sciorinato giocate di alta classe segnando una doppietta e dispensando assist preziosi per i compagni.

La misura della reale forza della compagine del presidente Pasquale Marrazzo e i possibili positivi risvolti della classifica si potranno avere, con più chiarezza, dopo le prossime quattro gare che vedranno la squadra impegnata contro le prime della classe a cominciare da domenica prossima contro il Cariati che nella giornata inaugurale del torneo è riuscita a battere gli amaranto in quella che rimane l’unica sconfitta stagionale.

Ritornando alla gara di domenica mister Varacalli, privo di tanti under e dello squalificato Domenico Le Rose il quale, per infortunio, sarà assente anche nella delicata gara col Cariati, ha schierato un undici a trazione anteriore con Pasqualuzzu punta avanzata e con Grano, Brizzi e Serravalle sempre pronti a dargli una mano, mentre Castagnino, ragazzo di spiccate attitudini offensive, dava supporto alla diga Renato Marino. Il Real Catanzaro non ha avuto spazio e respiro ed è stato sempre costretto sulla difensiva, circondato dalla costante presenza avanzata di questi uomini.

Solo un paio di volte gli ospiti sono stati pericolosi e queste rare occasioni sono state utili per mettere in mostra le qualità del giovanissimo portiere Pietro Fico che, benché sorpreso nell’azione del gol, ha comunque effettuato due interventi strepitosi e meritevoli di applausi. Quindi tutte note positive, ma adesso bisogna subito dimenticare la scorpacciata e pensare alle prossime gare che saranno molto dure e soprattutto potranno rivelarsi decisive per le sorti del campionato.

Lascia un commento

Scroll To Top