Bel Mesoraca nel primo tempo, ma nella ripresa il Taverna mostra i muscoli da capolista

Bel Mesoraca nel primo tempo, ma nella ripresa il Taverna mostra i muscoli da capolista

(nella foto Giglio in azione)

MESORACA-TAVERNA 2-4

MESORACA: Pallone 6, Pasquale 6, Rocca, L. Ruberto 5,5 (20’ st S. Sirianni 5,5), D. Lavigna 6, Castagnino 6 (19’ st. Barbera 5,5), F. Vescio 6, C. Ruberto 6, P. Brizzi 6,5, Lombardo 6, G. Sirianni 6. Allenatore: Giuseppe Garofalo 6.

TAVERNA: Di Marco 6,5, Corea 6, Colosimo 6, Puleo 6, Russo 6, S.Rizzo 6,5, Cariati 7, Pristerà 6 (17’ st. Pullano 6,5), Giglio 7,5, Cosentino 7 (31’ st. A. Rizzo s.v.), Pupo 6. Allenatore: Tommaso Folino 7.

ARBITRO: Stefano Muscatello di Locri 5.

MARCATORI: 30’ pt P. Brizzi (M), 33’ pt Giglio (rig.) (T), 44’ pt G. Sirianni (M), 6’ st Cariati (T), 20’ st e 27’ st Giglio (T).

 

Il Mesoraca dura un tempo e poi crolla fisicamente sotto i colpi di un Taverna che nella ripresa macina chilometri e sottomette l’avversario. A guardare la prima parte della contesa il Mesoraca sembrava una squadra di alta quota, poi nel secondo tempo un crollo verticale dei padroni di casa. Oltre alle due reti nel primo tempo al 15’ traversa di F. Vescio e al 18’ traversa di D. Lavigna.

I locali chiudono in vantaggio il primo tempo e subito al 1’ minuto della ripresa sfiorano la terza rete. Tiro di Lombardo respinto dal portiere Di Marco e sulla ribattuta P. Brizzi coglie il palo da due passi. Poi Taverna accelera, il Mesoraca si smarrisce e alla fine si impone la squadra col migliore tasso tecnico anche se nel finale si è rischiato la sospensione per nebbia. A due minuiti dal termine, infatti, l’arbitro sospende la gara per scarsa visibilità per riprenderla qualche minuto dopo nelle stesse condizioni e senza alcuna protesta dei calciatori locali.

 

Lascia un commento

Scroll To Top