Bel derby tra Real Roccabernarda e Petilia: la spuntano i padroni di casa nel finale

Bel derby tra Real Roccabernarda e Petilia: la spuntano i padroni di casa nel finale

REAL ROCCABERNARDA-NUOVA PETILIA 2-0

REAL ROCCABERNARDA: Pugliese, Rizza, Vona (28’ st Macrì), Ferreri, Cucè, Facente, Toscano, Marrazzo, Aprigliano (35’ st Bonofiglio), Garofalo, Rota (40’ st Bomparola). Allenatore: Bonofiglio.

NUOVA PETILIA: Perri, Scalise, Venturino, Pace, L. Ierardi (26’ st Ceraudo), V. Castagnino, S. Castagnino, A. Rocca, C. Rocca, Esposito (26’ st Cavallo), Scandale. Allenatore: Cropanese-Gumari.

ARBITRO: Asteriti di Crotone.

MARCATORI: 29’ st Rizza, 38’ st Garofalo.

 

Continua la striscia positiva del Real Roccabernarda, che in casa batte un coriaceo Petilia. Ottima la cornice di pubblico vista al San Vito, sia da parte della squadra di casa e sia da parte degli ospiti, la vicinanza dei due comuni ha permesso a molti tifosi petilini di recarsi a vedere l’incontro.
Poche le azioni degne di nota nella prima frazione di gioco e tutte targate Roccabernarda: al 20° circa su spizzico volante di Garofalo il giovane Aprigliano si trova a tu per tu con il portiere petilino, ma sfortunatamente spara alto sopra la traversa, passano altri dieci minuti e una punizione calciata da “Giannini” sfiora il palo.
Si conclude così un primo tempo molto spezzettato anche per l’alto numero di falli, infatti saranno ben tre le ammonizioni nei primi 45°minuti di gioco, una per i locali e due per gli ospiti.

Il secondo tempo inizia sulla falsa riga del primo, subito dopo dieci minuti di gioco, il numero 8 del petilia, atterra da dietro un avversario, l’arbitro non ha dubbi: cartellino rosso per Rocca e il Petilia in dieci.
Il Real vedendosi in superiorità numerica non ha più scusanti e quindi decide di sbilanciarsi per cercare di vincere l’incontro, esce il giovanissimo terzino sinistro Vona e entra l’altrettanto giovane Macrì, che alla fine risulterà decisivo nelle sorti dell’incontro.

Il possesso di palla dei locali continua ma le azioni sono poche, la difesa petilina e l’ottimo centrocampo, riescono a arginare bene i locali e a mantenere la propria porta inviolata, sembra che la partita lentamente si incanali verso un pari, che servirebbe a ben poco sia al’una che all’altra squadra.
Il tecnico di casa continua a incitare i suoi, ma sembra proprio una di quelle domeniche no per Rota e compagni, fino a quando, su una apparentemente innocua punizione troviamo il vantaggio locale, Rizza è lesto a incornare di testa e a sbloccare il risultato. Grande la gioia dei ragazzi di casa e dei loro tifosi, che vedono sbloccata una partita molto difficile.

La partita continua e gli animi si riscaldano, sia l’una che l’altra squadra non bada alle sottigliezze, infatti passa poco fin quando la parità numerica non viene ristabilita, l’ingenuo Toscano dopo aver fatto fallo continua con le proteste e costringe l’arbitro a esibire il secondo giallo e quindi a espellerlo dal campo.
Il Petilia vedendosi di nuovo in parità numerica tenta con le ultime forze di recuperare il risultato gettandosi in avanti, ma nel momento di massimo forcing offensivo, il Real con l’abile Macrì parte in contropiede salta un uomo e serve Rota in profondità che solo davanti al portiere preferisce passare al centro per il tap-in di “Giannini” e quindi per il 2-0 che chiude definitivamente la partita.

Lascia un commento

Scroll To Top