Al Petilia basta il primo tempo per avere ragione del Savelli

Al Petilia basta il primo tempo per avere ragione del Savelli

NUOVA PETILIA-GIOVENTU’ SAVELLI 2-0

N. PETILIA: Perri, Venturino, Scalise, R. Carvelli (10’ st Cardamone), D. Carvelli, E. Gumari (20’ st Ceraudo), P. Cavallo (40’ st P. A. Ierardi), S. Castagnino, Rocca, V. Castagnino (1’ st M. Cavallo), P. Ierardi. In panchina: A. Gumari. Allenatore: M. Cavallo

SAVELLI: Torcasso, Bevilacqua (20’ st Marasco), Greco, Tridico, Gentile, G. Anania (10’ st Pontieri), Notaro, A. Anania (40’ st Barbaro), A. Cerminara, Balsamo, Lautieri (34’ pt Paletta, 35’ pt S. Chiarello). In panchina: G. Chiarello, Mirabelli. Allenatore: Barbato

ARBITRO: Artese di Crotone

MARCATORI: 27’ pt S. Castagnino, 45’ pt P. Ierardi

PETILIA POLICASTRO (Kr) – La Nuova Petilia batte 2 a 0 il Savelli. Tre punti fondamentali per i padroni di casa che agganciano in classifica lo Steccato a quota 19 punti e si portano ad un solo punto dalla quinta Real Casabona, anche se ad oggi tale posizione non consentirebbe l’acceso ai play-off, causa il considerevole distacco dal Cotronei, secondo in classifica. La Gioventù Savelli esce sconfitta per la seconda volta consecutiva in trasferta, ma questa volta non ripete la straordinaria prestazione di San Leonardo di Cutro e può solo consolarsi col fatto di non aver preso neanche un cartellino, cosa importante per consolidare il primato in Coppa Disciplina. Vincere tale premio sarebbe motivo di grossa soddisfazione per i silani.

Il Petilia parte meglio e sfiora il vantaggio in due occasioni, prima con un tiro-cross di Piero Cavallo, poi con un colpo di testa di Emanuel Gumari sugli sviluppi di un angolo, in cui per l’ennesima volta il sempre ottimo Tridico salva sulla linea della porta savellese. Al 27’ del primo tempo, contrassegnando la netta supremazia iniziale, i locali passano in vantaggio grazie ad un tiro da fuori di Salvatore Castagnino che sorprende l’estremo difensore Torcasso. Dal 34’ al 36’ i savellesi sono costretti a fare due cambi, causa gli infortuni di Lautieri e del suo sostituto Paletta che incredibilmente dopo neanche un minuto dal suo ingresso si fa male al ginocchio. Gli ospiti condizionati anche dal fattore campo e da un ambiente ostico, riescono a rendersi pericolosi soltanto in una circostanza col solito capitan Balsamo, abile a sfruttare un lancio di G. Anania e a calciare a botta sicura, ma il palo gli nega la gioia della settima rete stagionale. I padroni di casa raddoppiano al 45′ del primo tempocon Piero Ierardi, che sfruttando il vento a favore insaccare la palla in rete direttamente da calcio d’angolo. Finisce così la prima frazione di gioco col Petilia meritamente in doppio vantaggio.

Nella ripresa la Gioventù Savelli entra con un altro piglio, ma nonostante molte occasioni ed un vero e proprio forcing non riesce a scardinare la difesa petilina. Al 3′ della ripresa Notaro su punizione mette in seria difficoltà Perri, sul corner seguente Giuseppe Gentile di testa colpisce l’esterno della rete. Mister Barbato a questo punto cerca di cambiare l’inerzia del match e, tenta il tutto per tutto: difesa a tre e doppio centravanti (a “El pipita” Antonio Cerminara, viene affiancato il panzer Marasco), ma il risultato non cambia. Gli ospiti infatti sbagliano sempre l’ultimo passaggio e si limitano ad uno sterile possesso palla e sono pericolosi solo dalla distanza prima con A. Cerminara, poi con S. Chiarello ed infine con l’eclettico Greco, classe 1997, under di ottime prospettive autore di una bellissima prestazione, che rischia di trovare l’eurogol con un tiro di 40 metri che sfiora la traversa. I ragazzi di mister Cavallo con i silani sbilanciati in avanti, cercano di colpire il contropiede e sfiorano il 3 a 0  con un tiro del solito S. Castagnino che colpisce il palo, è questa l’ultima emozione della partita. Finisce cosi 2 a 0 per il Petilia. Sconfitta nel complesso giusta per i ragazzi di mister Barbato che pagano il fatto di aver letteralmente regalato un tempo agli avversari e l’ aver subito due reti evitabilissime.

savelli - grecoNella foto Greco, autore di una grande prestazione

Lascia un commento

Scroll To Top