Akerentia-Carfizzi: gol e polemiche. Padroni di casa che finiscono la gara in 9

Akerentia-Carfizzi: gol e polemiche. Padroni di casa che finiscono la gara in 9

(nella foto Valentino Audia)

AKERENTIA-CARFIZZI 3-3

AKERENTIA: 12 Candalise Luigi- 2 Candalise Remo -3 Figliuzzi Alex -4 Nigro Ivan -5 Perri Alfredo – 6 Leone Antonio – 7 Scarcelli Gianluca -8 Marra Roberto – 9 Procopio Vincenzo – 10 Oliverio Salvatore 11 Nigro A. In panchina: 13 – Iaconis Giuseppe -14 Audia Valentino- 15 Pupo Saverio- 16 Cimino Francesco 17 Lopez Roberto 18 Fragale Salvatore.

CARFIZZI: 1 Viviani Domenico – 2 Caputo Alfredo -3 Scarpino Antonio -4 Monaco Simone -5 Aversa De Fazio Giovanni 6 Pacenza Davide -7 Iocca Massimo -8 Vitale Emanuele -9 Pollizzi Domenico -10 Caputo Francesco 11 Basta Giuseppe. In panchina: Amato – Basta G. -Abate -Scarpino -Pollizzi -Avena A.

 

Con un arbitraggio scandaloso l’Akerentia pareggia una partita rocambolesca. All’8 minuto passa in vantaggio il Carfizzi con Iocca che con un tiro scoccato dal vertice sinistro dell’area inganna Candalise L.
incolpevole perché viziato da una deviazione, l’Akerentia sfiora il pareggio al 18^ con Nigro A, al 23 ^
Procopio stoppa bene in area un lancio di Figliuzzi e con un delizioso tocco segna il pari. Al 30 ^ inizia lo show dell’arbitro che nega un rigore netto per un fallo di mani, ironia della sorte raddoppia il Carfizzi
ancora con Iocca al 34^ che solo davanti al portiere non può sbagliare.

Secondo tempo: Si gioca ad una sola porta, ma il Carfizzi in contropiede con Basta Giuseppe al 26 ^ segna il 3 a 1. L’Akerentia ferita nell’orgoglio accorcia al 28^ con Oliverio che accompagna in rete un tiro di Figliuzzi
che probabilmente avrebbe segnato il suo primo gol della stagione, dopo appena due minuti capolavoro di
Valentino Audia che fulmina con un tiro perfetto Viviani, e sancisce il pareggio. Negli ultimi 15 minuti avviene l’incredibile l’arbitro Longo espelle prima Candalise Remo, reo di aver bestemmiato, poteva essere non punibile perché era un’imprecazione non rivolta al direttore di gara, e successivamente per proteste anche il portiere Candalise Luigi. In 9 uomini l’Akerentia assedia l’area del Carfizzi sfiorando la vittoria  in più occasioni con Audia, Oliverio S. che colpisce un palo, con Scarcelli che nella stessa azione si vede salvare sulla linea un tiro destinato a cambiare la storia della partita, che l’undici del Presidente Procopio avrebbe meritato di vincere e sarebbe stata la terza vittoria consecutiva.

Teodoro Talarico

Lascia un commento

Scroll To Top