Ai rigori la Casertana elimina il Crotone dalla Coppa. Decisivo l’errore di Torregrossa

Ai rigori la Casertana elimina il Crotone dalla Coppa. Decisivo l’errore di Torregrossa

CROTONE-CASERTANA 3-4 d.c.r.

CROTONE: Bajza, Cane, Claiton, Ferrari, Martella, Suciu, Minotti, Dezi (dall’ 8’ pt Salzano), Ricci, Padovan (dal 10’ st Torregrossa), De Giorgio (dal 39’ st Oduamadi). In panchina: Secco, Cremonesi, Gigli, Zampano, Galardo, Berardocco, Saric, Torromino, Tripicchio. Allenatore: Drago.

CASERTANA: Fumagalli, Bruno, Idda, D’Alterio, Bianco, Alessandro, Marano, Carrus, Cruciani (dal 34’ st Chiavazzo), Mancino (dal 17’ st Alvino), Cissè (dal 38’ pt Antonazzo). In panchina: D’Agostino, Rajcic, Conti, De Marco, Tito, Pontiggia, Cunzi, Diakitè. Allenatore: Gregucci.

ARBITRO: Aureliano di Bologna (Borzomi e Zivelli assistenti).

SEQUENZA RIGORI: Suciu gol, Carrus gol, Ricci gol, Bianco gol, Ferrari gol, D’Alterio parato, Salzano palo, Alessandro gol, Torregrossa parato, Chiavazzo gol.

AMMONITI: Bianco, Marano.

NOTE: Spettatori paganti 3173 per un incasso di 27.135 euro. Angoli 9-4.

Niente da fare per il Crotone, eliminato subito dalla Coppa Italia. Al termine di una partita non certo entusiasmante, i calci di rigore hanno sorriso alla Casertana, squadra ben messa in campo che ha mostrato un buon gioco e che certamente farà la sua bella figura in Lega Pro.

Crotone non bocciato, visto che siamo ancora in pieno agosto, ma certamente rimandato alla prossime partite. Manovra offensiva troppo lenta per i rossoblù, poche idee, ma probabilmente per le gambe imballate dalla preparazione.

Poche azioni da segnalare nei 120 minuti di gioco, con gli ospiti che hanno colpito una traversa con Bianco e Crotone pericoloso soprattutto su azioni da calcio d’angolo. Dal dischetto segnano Suciu, Ricci e Ferrari, poi Salzano prende un doppio palo e Torregrossa si fa parare il penalty da Fumagalli. Decide il rigore calciato ottimamente da Chiavazzo.

Tra i migliori del Crotone Claiton e Salzano. Da valutare l’infortunio occorso dopo pochi minuti a Dezi.

Lascia un commento

Scroll To Top